Ampliamento della Casa V a Rodengo: un involucro per tutta la famiglia

Il risanamento sostenibile di parte di una villa bifamiliare è l’occasione per un radicale cambio di abitudini nella famiglia dei committenti. Sfruttando abilmente il “bonus cubatura” si è reso abitabile anche il sottotetto, ricavando uno spazioso alloggio duplex.

La casa oggetto dell’intervento sorge a Rodengo, sui primi rilievi all’imbocco della Val Pusteria, in posizione panoramica sopra la forra del fiume Rienza. La richiesta dei committenti di ampliare e riqualificare energeticamente la porzione di loro proprietà di una villa bifamiliare era motivata dalla necessità di ricavare un nuovo appartamento duplex per il figlio ai piani superiori, riservando ai genitori la più comoda unità abitativa al piano terra.

L’architetto bolzanino Manuel Benedikter è intervenuto con coerenza sull’intero organismo architettonico: al piano terreno la pianta è stata ampliata fino a diventare un quadrato quasi perfetto con una nuova camera da letto e un’ampia cucina abitabile, ricavata al posto del giardino d’inverno. Le grandi vetrate scorrevoli permettono di accedere direttamente da questo locale al giardino esterno. Sopra la cucina si estende una piacevole terrazza quadrata su cui affacciano gli spazi di soggiorno del nuovo appartamento, mentre nel sottotetto è disposta la zona notte con le camere da letto affacciate su un balcone proteso sulla terrazza.

Il raffinato volume architettonico, scavato nell’angolo sudovest moltiplicando le vedute e il senso di intimità, è unificato visivamente e simbolicamente da una grande cornice metallica che ripropone la forma archetipa della casa come riparo per tutta la famiglia.

La riqualificazione energetica ha interessato l’intero edificio per una superficie netta riscaldata di 234 m2: le murature esistenti sono state coibentate con un cappotto di lana di roccia, le strutture portanti dell’ampliamento sono in montanti e traversi di legno con tamponamenti in fibra di legno.

Il collegamento al teleriscaldamento comunale, che fornisce il calore e l’acqua calda sanitaria, abbassa di molto i consumi energetici, ulteriormente ridotti grazie all’installazione sul tetto di un impianto solare termico che copre circa il 70% dei consumi di acqua calda.

Questa strategia ha permesso di abbattere il fabbisogno di calore di oltre il 50% rispetto a una volumetria equivalente non isolata, portando l’indice termico dell’edificio a 49 kWh/m2a corrispondenti alla classe B di CasaClima. L’efficientamento energetico dell’involucro ha permesso di usufruire vantaggiosamente del “bonus cubatura”, la direttiva provinciale che fino al 2016 consentiva ai proprietari di immobili di ampliare la volumetria esistente a patto di rientrare almeno nella categoria C di CasaClima: con la cubatura aggiuntiva di 200 m3 si è reso abitabile anche il sottotetto a beneficio delle nuove generazioni.

 

Progettista: Arch. Manuel Benedikter, con Arch. Karin Peer

Committente: privato

Anno: 2015

Fotografie: Marion Lafogler

 

 

Social Networks

Twitter Facebook YouTube

Special Projects

Enertour 4 Students Enertour 4 Schools

Promotori

IDM Suedtirol Fondazione Cassa di Risparmio Provincia Autonoma di Bolzano

Partner

KlimaHaus - CasaClima SüdTirol