NOI Techpark: futuro dell’innovazione in Alto Adige

Nello storico areale dell’ex fabbrica di alluminio di Bolzano nasce il Parco tecnologico. Enertour offre la possibilità di visitare il cantiere per comprendere la complessità e l’importanza del progetto NOI.

Su una superficie di oltre 120 mila m2 nella zona sud di Bolzano, ex sede dell’insediamento metallurgico Alumix, sorge il nuovo centro d’innovazione dell’Alto Adige: il Parco tecnologico NOI Techpark. NOI, acronimo di Nature Of Innovation, sarà a partire dal 2017 il luogo in cui importanti istituti di ricerca, l’università, imprese e start-up locali e internazionali faranno innovazione a stretto contatto, accrescendo insieme le proprie potenzialità per il futuro. Si lavorerà principalmente nei settori di eccellenza dell’Alto Adige: energie rinnovabili, tecnologie alpine, tecnologie alimentari e ICT & automation.

Il luogo in cui negli anni trenta e quaranta si produceva circa i due terzi di tutto l’alluminio italiano (consumando a tal scopo energia pari a un impressionante miliardo di kWh annui) ospiterà quindi a breve una moderna fabbrica di idee e ricerca con consumo energetico quasi a zero. Le strutture di nuova costruzione soddisferanno i rigidi parametri europei per gli edifici a bassissimo consumo energetico (Nearly Zero Energy Buildings) oltre alla locale certificazione CasaClima e l’internazionale LEED (Leadership in Energy and Environmental Design).

Nella prima fase di realizzazione, che Enertour permette di osservare attraverso visite guidate al cantiere, è in opera il risanamento delle aree preesistenti. Partendo dall’ingresso principale del NOI Techpark si incontra l’Edificio Centrale 1 che a partire dal 1937 ospitava il primo dei grandi trasformatori dell’Alumix: un edificio ristrutturato conservando la splendida facciata anni trenta in stile Bauhaus e pronto per ospitare uffici, laboratori e spazi di ritrovo. A fianco sorgerà il Black Monolith, l’edificio di nuova costruzione dal rigore razionalista simbolo della forza innovatrice del Parco tecnologico. La sua facciata sarà realizzata in schiuma di alluminio: un richiamo del passato industriale del luogo.

Sempre in entrata si svilupperà un’importante area verde che sarà punto di relax e ospiterà manifestazioni e spettacoli. La prima fase di costruzione prevede anche il completamento delle aree riservate alla ristorazione e di uno spazio commerciale, dell’Infopoint all’ingresso, di un asilo nido per gli impiegati del Parco tecnologico e un ampio garage sotterraneo. Significativa è anche la ristrutturazione del capannone che apparteneva alla ditta Speedline: questa area ospiterà tra le altre cose una galleria aerodinamica per test su motori e prove di stabilità su macchinari agricoli.

Anche l’Edificio Centrale 2, gemello del Centrale 1 risalente al 1940, è ormai in fase di ristrutturazione, realizzando per i futuri uffici e laboratori funzionali spazi interni che faranno uso di materiali quali il vetro, il legno e l’acciaio. Dietro il Black Monolith sorgeranno in seguito i vari moduli di ampliamento del Parco, aperti anche a iniziative private. Nel primo modulo avranno sede le prime imprese e l’avveniristico Extreme Environment Simulator: un laboratorio climatico all’avanguardia ove verranno eseguiti test su materiali simulando condizioni climatiche estreme.

Visita il cantiere del Techpark a Klimahouse 2017! Iscriviti qui: www.klimahouse.it

Visitate il sito internet del Techpark NOI: www.noi.bz.it

 

Social Networks

Twitter Facebook YouTube

Special Projects

Enertour 4 Students Enertour 4 Schools

Promotori

IDM Suedtirol Fondazione Cassa di Risparmio Provincia Autonoma di Bolzano

Partner

KlimaHaus - CasaClima SüdTirol